Tarcento, costi mensa scolastica ridotti dal 1° gennaio grazie a petizione FdI. Riduzioni anche per trasporto e preaccoglienza

Prisciano (FdI): “Su mensa e trasporto scolastico battaglia quasi vinta, ma continueremo a combattere per garantire l’equità sociale
Con 3 Delibere di Giunta del 26.01.2017 ( di cui qui si allega la delibera relativa alla mensa), la Giunta Steccati aboliva le agevolazioni ISEE su mensa, trasporto e preaccoglienza scolastica. Le tariffe restavano invariate, ma togliendo le agevolazioni ISEE tutti dovevano pagare il 100% della tariffa: ciò ledeva fortemente il principio costituzionale della capacità contributiva ex art. 53 Cost.

A causa di questa scelta, molte famiglie (che fino a quel momento usufruivano delle agevolazioni ISEE che permettevano loro di risparmiare o non pagare affatto) non sapevano come far fronte a queste (di fatto) nuove tasse.

Banner della petizione di FdI
Tante le famiglie che mi hanno contattato: addirittura c’era chi percepiva il sostegno regionale al reddito (MIA o REI), ma che doveva utilizzare per pagare le nuove tasse scolastiche, al 100% così come le pagava il notaio o l’imprenditore di successo.

Sono stati questi i motivi che mi hanno spinto già

La petizione del Consigliere Prisciano che ha raccolto 487 firme

la scorsa primavera a lanciare la petizione “NON SI FACCIA CASSA SUI DIRITTI DEI NOSTRI FIGLI”. In 9 mesi ho raccolto 487 firme di tarcentini per il ripristino delle agevolazioni ISEE su mensa, trasporto e preaccoglienza scolastica.

Finalmente, qualche giorno fa ho ricevuto una bella sorpresa. Ecco le nuove delibere con le nuove agevolazioni 2019.
Alla base di Delibera di Giunta dell’anno scorso, il Sindaco Steccati ora ha inserito un comma  tale per cui chi ha una situazione economica talmente seriada ricevere i contributi regionali  MIA o REI NON DOVRÀ PAGARE IL 100% DELLA TARIFFA, MA IL MINIMO SINDACALE.
Questa fascia di reddito in realtà, prima dell’inopportuna modifica della Giunta Steccati non pagava affatto, in virtù proprio delle agevolazioni ISEE.
Steccati non ha reintrodotto le agevolazioni ISEE, tuttavia si è reso conto dell’assurdità della norma da egli stesso creata nel gennaio 2017.
E di questo sono felice.
Sono soddisfatto per questo piccolo ma importante risultato, tuttavia credo che la capacità contributiva non sia ancora del tutto garantita: troppe le fasce di reddito ancora penalizzate. Basti pensare che le fasce a reddito zero percepiscono il già risicato contributo MIA (o REI) dalla Regione e devono comunque usarlo per pagare le tariffe comunali -seppur ora al minimo- anziché di usarli per mangiare.
Presenterò un emendamento in seno al Bilancio 2019 per modificare la situazione dal prossimo anno scolastico. Se dovesse esser bocciato l’emendamento da me presentato, tramite i legali ricorreremo al T.A.R. FVG per l’annullamento, previa sospensiva, delle Deliberazioni assunte per violazione del principio costituzionale della capacità contributiva.

Intanto, grazie alla petizione di Fratelli d’Italia – Val Torre, già dal 1° gennaio

il nuovo comma inserito nel testo della Delibera di Giunta
p.v. tutte le famiglie che ricevono i contributi MIA e REI (redditi zero), pagheranno solo 2 euro per ogni pasto alla mensa scolastica, anziché 3,60/3,40.
La battaglia è quasi vinta, ma bisogna continuare a lottare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *